Studio Legale Mazza

Studio Legale Mazza Civile.
(8)

02/03/2024

Segnaliamo richiamando la vostra attenzione sulla rilevanza pratica degli effetti pronuncia.

"E' illegittimo costituzionalmente e l’art. 2952, secondo comma, del codice civile, nella parte in cui non prevede l’esclusione, dal termine di prescrizione biennale, dei diritti che derivano dai contratti di assicurazione sulla vita, per i quali opera la prescrizione decennale".

Corte Costituzionale, sentenza 32 del 29 febbraio 2024.

23/02/2024

Segnaliamo:

"Quanto alla determinazione e alla quantificazione della componente perequativa/compensativa, deve tenersi conto del contributo fornito dal richiedente l'assegno alla conduzione della vita familiare e alla formazione del patrimonio comune (alla stregua dei parametri individuati a partire da Cass., sez. un., 18287/18) anche nella fase di convivenza prematrimoniale, sempre che sia connotata da stabilità e continuità."

Cass. civ., sez. un., sent., 18 dicembre 2023 n. 35385

16/02/2024

Segnaliamo:

"In tema di servitù, lo schema previsto dall'art. 1027 cod.civ.non preclude la costituzione, mediante convenzione, di servitù avente ad oggetto il parcheggio di un veicolo sul fondo altrui purché, in base all'esame del titolo e ad una verifica in concreto della situazione di fatto, tale facoltà risulti essere stata attribuita come vantaggio in favore di altro fondo per la sua migliore utilizzazione e sempre che sussistano i requisiti del diritto reale e in particolare la localizzazione".

Cass. civ, sez. Unite, 13 febbraio 2024, n. 3925

14/02/2024

Segnaliamo:

"In tema di TSO, l'art. 35, comma 8, L. 833/1978, laddove dispone che può proporre opposizione contro il provvedimento di convalida del trattamento non solo chi vi è stato sottoposto ma anche chiunque vi abbia interesse, si riferisce a colui che abbia un concreto e attuale interesse, in ragione di uno stretto e personale rapporto che lo lega direttamente al paziente, tale da far valere l'interesse di quest'ultimo al controllo dell'avvenuta corretta applicazione della misura, finalizzata alla tutela della salute mentale del soggetto che ad essa è sottoposto, in presenza delle necessarie condizioni di legge".

Cass. civ., sez. I, ord., 12 febbraio 2024, n. 3766.

12/02/2024
08/02/2024

Segnaliamo:

"Qualora, nel corso del processo di divisione relativo ad un immobile, uno dei condividenti trasferisce ad un terzo la propria quota, si realizza la successione a titolo particolare nel diritto controverso, per cui il giudizio prosegue tra le parti originarie e l’acquirente non assume le vesti di litisconsorte necessario, potendo intervenirvi o essere chiamato, ma, se abbia acquistato in forza di atto trascritto prima della trascrizione della domanda di divisione giudiziale, non gli può essere opposta la sentenza che lo definisce."

Cass. civ., sez. II, ord., 6 febbraio 2024, n. 3331.

20/01/2024

Segnaliamo:

"L'’art. 291, primo comma, del codice civile è costituzionalmente illegittimo nella parte in cui per l’adozione del maggiorenne, non consente al giudice di ridurre, nei casi di esigua differenza e sempre che sussistano motivi meritevoli, l’intervallo di età di diciotto anni fra adottante e adottando".

Corte Costituzionale, sentenza 5 del 18 gennaio 2024.

☺️
12/01/2024

☺️

11/01/2024

GIURISPRUDENZA IN BREVE.
A cura del Prof. Paolo Cedon.

\\\\\\\\\\\\\\

AFFIDAMENTO CONDIVISO: LA DISTANZA TRA LE ABITAZIONI DEI GENITORI NON LO OSTACOLA
>>>>>> La I Sezione Civile ha ribadito quanto già chiarito dalla Corte di Strasburgo, cioè che sussiste il diritto alla frequentazione tra il minore e il genitore non coabitante e che lo Stato deve predisporre ...
Cassazione civile, sez. I, ordinanza 18 dicembre 2023, n. 35253
------
NON PARTECIPA AL FUNERALE DEL PADRE PERCHÉ IL VOLO VIENE CANCELLATO: È DANNO RISARCIBILE
>>>>>>>>>> La sentenza di merito aveva condannato una compagnia aerea a risarcire un passeggero per i danni patrimoniali conseguiti alla cancellazione di un volo, in base al regolamento comunitario 261/04. Il passeggero ...
Cassazione civile, sez. III, ordinanza 29 novembre 2023, n. 33276
-------------
IL MUTAMENTO DA DETENZIONE IN POSSESSO PUÒ DERIVARE ANCHE DA UN ATTO DEL POSSESSORE
>>>>>>>>> Ai fini del mutamento della detenzione in possesso, l'opposizione del detentore nei confronti del possessore, richiesta dal secondo comma dell'art.1141 c.c., non è necessaria qualora il mutamento del titolo ...
Cassazione civile, sez. III, ordinanza 29 novembre 2023, n. 33276
-----
LA PRESCRIZIONE DEI CREDITI RETRIBUTIVI NEL PUBBLICO IMPIEGO DECORRE IN COSTANZA DI RAPPORTO
>>>>>>>>>> Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza 28 dicembre 2023, n. 36197, ha chiarito la questione relativa al decorso del termine di prescrizione dei crediti retributivi nel pubblico impiego ...
Cassazione civile, Sez. Un., sentenza 28 dicembre 2023, n. 36197
-------
INTERESSI MORATORI E USURA: UNA CRITICA ALLE SEZIONI UNITE DAL TRIBUNALE DI MILANO
>>>>>>>>>> Con sentenza n. 30094 del 2 novembre 2023, il Tribunale di Milano ha affrontato una vicenda avente ad oggetto la verifica del superamento del tasso soglia usura di un contratto di locazione finanziaria. ...
Tribunale di Milano, Sez. VI, sentenza 2 novembre 2023, n. 30094
-------------
41-BIS: ILLEGITTIMO L'OBBLIGO DI UTILIZZARE SEMPRE IL VETRO DIVISORIO NEI COLLOQUI CON FAMILIARE ULTRADODICENNE
>>>>>>>>> Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso l’ordinanza con cui il Tribunale di sorveglianza aveva respinto il reclamo presentato da un detenuto in regime di “41-bis” contro il provvedimento con cui ...
Cassazione penale, Sez. I, sentenza 3 gennaio 2024, n. 196

10/01/2024

Segnaliamo:

"Agli effetti dell'art. 9, comma 3, d.m. n. 1444 del 1968, sono ammesse distanze inferiori a quelle indicate nei precedenti commi di tale norma soltanto a condizione che sia stato approvato un apposito piano particolareggiato o di lottizzazione esteso alla intera zona, finalizzato a rendere esecutive le previsioni dello strumento urbanistico generale, contenente le disposizioni planivolumetriche degli edifici previsti nella medesima zona e avente ad oggetto la realizzazione contestuale di "gruppi di edifici", e cioè di una pluralità di nuovi febbricati, rimanendo perciò estranea a tale fattispecie l'ipotesi della realizzazione di un unico nuovo fabbricato che si sia inserito nel contesto di un isolato già edificato."

Cass.Civ. sez. II, 4 gennaio 2024, n.236

13/12/2023

Segnaliamo:

"Ai fini della verifica del rispetto della regola di sussidiarietà di cui all'art. 2042 cod.civ, la domanda di arricchimento è proponibile ove la diversa azione, fondata sul contratto, su legge ovvero su clausole generali, si riveli carente ab origine del titolo giustificativo. Viceversa, resta preclusa nel caso in cui il rigetto della domanda alternativa derivi da prescrizione o decadenza del diritto azionato, ovvero nel caso in cui discenda dalla carenza di prova circa l'esistenza del pregiudizio subito, ovvero in caso di nullità del titolo contrattuale, ove la nullità derivi dall'illiceità del contratto per contrasto con norme imperative o con l'ordine pubblico».

Cass. civ., sez. Unite, sentenza., 5 dicembre 2023, n. 33954.

30/11/2023

Segnaliamo:

la Sezione Seconda civile ha disposto, ai sensi dell’art. 374, comma 2, cod.proc.civ., la trasmissione del ricorso al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della questione, che si presenta di massima di particolare importanza, relativa agli effetti conseguenti alla mancata evocazione in giudizio, nel caso di proposizione della domanda per l’ottenimento del riconoscimento del diritto alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio, di uno o più dei plurimi proprietari (o, eventualmente, titolari di altri diritti reali) dei fondi intercludenti, in particolare allo scopo di verificare se sussistano i presupposti per confermare l’arresto delle Sezioni Unite (di cui alla sentenza n. 9685 del 2013) o se - diversamente - non si ricada in una ipotesi di litisconsorzio necessario oppure in un caso in cui si debba pervenire ad una mera pronuncia di rito e non di merito.

Cass. civ. sez. II, ordinanza interlocutoria 32528 del 23 novembre 2023.

Venerdì 😌
03/11/2023

Venerdì 😌

02/11/2023

Segnaliamo:

"Alla luce della normativa internazionale che tende a garantire il collocamento del minore nella propria famiglia d'origine, gli artt. 330 e 333 cod.civ., rispettivamente sulla decadenza dalla responsabilità genitoriale e sulla limitazione di tale responsabilità, prevedono il provvedimento di decadenza quale extrema ratio, una misura cioè adottabile qualora la condotta del genitore costituisca un grave pregiudizio per il minore stesso e solo ove gli altri provvedimenti disciplinati dal legislatore non siano comunque idonei a tutelare l'interesse prevalente del minore a crescere sano nel contesto familiare d'origine. Se non c'è concreto pregiudizio, pertanto, l'autorità giudiziaria non può intervenire".

Cass. civ. sez. I, sentenza n. 29814 del 27 ottobre 2023

09/10/2023

Anche il Tribunale di Catania non ha convalidato il trattenimento di cinque ragazzi emigranti (preferisco ancora usare la “e” davanti a migrante, residuo
di “ex” moto da luogo, come invita a fare Domenico Starnone, in “Internazionale”, n.1532, 6 ottobre 2023 in edicola.)

Anche il Tribuanle di Catania ha ricordato che la Corte Costituzionale, con sentenza n. 389 dell’11 luglio 1989, ha stabilito che il Giudice ha il potere di disapplicare le norme di legge contrarie al diritto comunitario e ai principi fondamentali dell’ordinamento.

Resta da stabilire dove si siano laureati politici,giornalisti ed intellettuali del web che, sebbene indichino nei curricula “Laurea in giurisprudenza, ignorano il
principio e affermino che i Giudici stiano facendo politica.

Applicare la Costituzione è fare il proprio dovere.

29/09/2023

Segnaliamo:

"Il potere di riduzione della penale, esercitabile d'ufficio, non è impedito dall'accordo delle parti circa l'irriducibilità della penale stessa, né dalla circostanza, come in questo caso, che le parti abbiano definito equa la penale: sono circostanze che non vincolano il giudice."

Cass. civ, sez. III, ord., 20 settembre 2023, n. 26901

21/07/2023

Segnaliamo:

"Sul presupposto che la responsabilità ex 1669 c.c. è speciale rispetto a quella prevista dalla norma generale di cui all'art. 2043 cod.civ., ne consegue che, avuto riguardo alla costruzione di un edificio, quest'ultima può essere invocata soltanto ove non ricorrano i presupposti oggettivi e soggettivi della responsabilità prevista per l'appunto dall'art. 1669 cod.civ., ma, pur tuttavia, non al fine di superare i limiti temporali entro cui l'ordinamento positivo ne consente l'operatività, ovvero senza poter “aggirare” lo speciale regime di prescrizione e decadenza che la caratterizza».

Cass. civ, sez. II, ord., 17 luglio 2023, n. 20450

Indirizzo

Via Biagio Castiello, 28
Cardito
80024

Orario di apertura

Lunedì 16:00 - 20:00
Martedì 16:00 - 20:00
Mercoledì 16:00 - 20:00
Giovedì 16:00 - 20:00
Venerdì 16:00 - 20:00

Telefono

0818301407

Sito Web

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Studio Legale Mazza pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta L'azienda

Invia un messaggio a Studio Legale Mazza:

Condividi